Studio+com Commercialisti Associati - Modena Vignola Spilamberto - Credito d'imposta per sanificazione di ambienti e strumenti di lavoro

Un sostegno fino a 20.000 euro per il 50% delle spese sostenute dal 17.03.2020 al 31.12.2020, però mancano ancora le norme attuative.

Studio di Commercialisti a Modena, Vignola e Spilamberto con consolidata esperienza nella gestione e pianificazione aziendale e societaria, offre consulenza qualificata in campo commerciale, finanziario, tributario.

Studio Commercialisti Modena

Studio+com è lo studio di commercialisti a Modena che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Sassuolo

Studio+com è lo studio di commercialisti per Sassuolo e la provincia di Modena che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Carpi

Hai un'attività di impresa o professionale a Carpi? Se necessiti di assistenza fiscale e tributaria, Studio+com dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco. Uno studio di commercialisti per Carpi e la provincia di Modena che supporta la crescita della tua impresa.

Studio Commercialisti

Studio+com è uno studio di commercialisti con sedi a Modena, Vignola e Spilamberto che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Consulenza aziendale e societaria

Studio+com è il punto di riferimento per la consulenza aziendale e societaria: competenza al servizio di una corretta pianificazione finanziaria, affidabilità ed esperienza per affrontare le sfide che caratterizzano la vita di una società.

Consulenza fiscale e tributaria

Studio+com è il punto di riferimento per la consulenza fiscale e tributaria: una squadra al servizio di piccole e grandi realtà e operatori individuali che ogni giorno affrontano il mercato.

Incarichi giudiziali e revisione legale

Studio+com mette in campo competenze specifiche in campo fiscale e amministrativo per incarichi giudiziali presso tribunali civili e procedure concorsuali, professionisti abilitati all'esercizio della revisione legale.

Studio Commercialisti Spilamberto

Studio+com è lo studio di commercialisti a Spilamberto che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Vignola

Studio+com è lo studio di commercialisti a Vignola che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

studiopiucom logo

Credito d'imposta per sanificazione di ambienti e strumenti di lavoro

Un sostegno fino a 20.000 euro per il 50% delle spese sostenute dal 17.03.2020 al 31.12.2020, però mancano ancora le norme attuative.

L'art. 30, D.L. 8.04.2020, n. 23 e l'art. 64, D.L. 17.03.2020, n. 18 attribuiscono un credito di imposta ai soggetti che esercitano attività di impresa, arte o professione per le spese sostenute e documentate per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro e per l'acquisto di dispositivi di sicurezza idonei a proteggere i lavoratori dall'esposizione accidentale ad agenti biologici e a garantire la distanza di sicurezza interpersonale.

Tra i costi relativi agli ambienti di lavoro dovrebbero rientrare quelli per l'acquisto di macchinari ed attrezzature utilizzabili per superfici e vestiario, di detergenti antibatterici per le superfici, gli interventi

di sanificazione forniti da imprese specializzate per l'igiene nei luoghi di lavoro, aventi i requisiti tecnico -

professionali di cui al D.M. 274/1997 e iscritte alla CC.I.A.A.

Tra gli strumenti di lavoro si ritiene siano compresi non solo quelli direttamente destinati allo svolgimento dell'attività, ma anche quelli necessari alla consegna dei beni o allo svolgimento dei servizi nella sede del cliente (i mezzi di trasporto). Tra i dispositivi di protezione e sicurezza individuali abbiamo per esempio: mascherine chirurgiche, tute isolanti anticontagio, visiere, occhiali protettivi, Fpf2, Fpf3, guanti, calzari, termoscanner, detergenti e gel igienizzanti per mani e viso, disinfettanti. Rientrano tra gli altri dispositivi di protezione, per esempio: pareti divisorie, pannelli protettivi, rilevatori di distanza. Molti dei dispositivi indicati sono anche riportati nella circolare dell'Agenzia delle Entrate 13.04.2020, n. 9/E (Par. 13).

Ai fini probatori, è opportuno che il documento fiscale descriva chiaramente i beni e servizi acquistati, in

modo da ricondurli all'agevolazione in esame (esempio: cabina ad ozono XY per sanificazione indumenti;

intervento di sanificazione consistente in ……. eseguito presso locali siti in …….. via ….. n..); nel caso di

servizi di sanificazione ricevuti, andrebbe allegata la certificazione riguardante l'avvenuto intervento

dell'impresa autorizzata ai sensi del citato D.M. 274/1997.

Il credito d'imposta è utilizzabile in compensazione di debiti erariali e spetta nella misura del 50% dei

costi sostenuti, considerati fino ad un massimo di 20.000 euro, a partire dal 17.03.2020 e fino al 31.12.2020

(quindi il credito massimo spettante per ogni beneficiario è di euro 10.000,00). I costi sono comprensivi di

Iva, per coloro che non detraggono per legge l'Iva sulle fatture ricevute; al netto di Iva, negli altri casi.

I fondi stanziati per il credito in oggetto ammontano per il 2020 a 50 milioni di euro. Ad oggi non è stato

ancora pubblicato il decreto attuativo con il quale rendere operativo l'utilizzo del credito di imposta,

stabilendo i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione.

In particolare, occorre:

-    specificare il concetto di “sanificazione”, che dovrebbe intendersi come un intervento finalizzato ad eliminare ogni batterio e agente contaminante, con efficacia igienica superiore a quella fornita dalle ordinarie operazioni di pulizia, con le quali si rimuove solo lo sporco visibile;

-    stabilire come procedere per assicurare il rispetto del limite di spesa dei 50 milioni di euro;

-    istituire il codice tributo da utilizzare per la compensazione.

Ti aspettiamo in una delle nostre sedi a Modena, Vignola e Spilamberto.

Contattaci