Studio+com Commercialisti Associati - Modena Vignola Spilamberto - L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche non è «virtuale»

Il prossimo 23 aprile scadrà il termine per il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nel primo trimestre del 2019. Per effetto del DM 28 dicembre 2018, infatti, “il pagamento dell’imposta relativa alle fatture elettroniche emesse in ciascun trimestre solare è effettuato entro il giorno 20 del primo mese successivo”. Considerato che il 20 aprile cade di sabato, e che il 21 e il 22 sono giorni festivi, la scadenza viene posticipata al primo giorno lavorativo successivo, in aderenza al disposto di cui all’art. 7 comma 2 lett. l) del DL 70/2011.

Studio di Commercialisti a Modena, Vignola e Spilamberto con consolidata esperienza nella gestione e pianificazione aziendale e societaria, offre consulenza qualificata in campo commerciale, finanziario, tributario.

Studio Commercialisti Modena

Studio+com è lo studio di commercialisti a Modena che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Sassuolo

Studio+com è lo studio di commercialisti per Sassuolo e la provincia di Modena che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Carpi

Hai un'attività di impresa o professionale a Carpi? Se necessiti di assistenza fiscale e tributaria, Studio+com dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco. Uno studio di commercialisti per Carpi e la provincia di Modena che supporta la crescita della tua impresa.

Studio Commercialisti

Studio+com è uno studio di commercialisti con sedi a Modena, Vignola e Spilamberto che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Consulenza aziendale e societaria

Studio+com è il punto di riferimento per la consulenza aziendale e societaria: competenza al servizio di una corretta pianificazione finanziaria, affidabilità ed esperienza per affrontare le sfide che caratterizzano la vita di una società.

Consulenza fiscale e tributaria

Studio+com è il punto di riferimento per la consulenza fiscale e tributaria: una squadra al servizio di piccole e grandi realtà e operatori individuali che ogni giorno affrontano il mercato.

Incarichi giudiziali e revisione legale

Studio+com mette in campo competenze specifiche in campo fiscale e amministrativo per incarichi giudiziali presso tribunali civili e procedure concorsuali, professionisti abilitati all'esercizio della revisione legale.

Studio Commercialisti Spilamberto

Studio+com è lo studio di commercialisti a Spilamberto che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Vignola

Studio+com è lo studio di commercialisti a Vignola che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

studiopiucom logo

L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche non è «virtuale»

Il prossimo 23 aprile scadrà il termine per il versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nel primo trimestre del 2019. Per effetto del DM 28 dicembre 2018, infatti, “il pagamento dell’imposta relativa alle fatture elettroniche emesse in ciascun trimestre solare è effettuato entro il giorno 20 del primo mese successivo”. Considerato che il 20 aprile cade di sabato, e che il 21 e il 22 sono giorni festivi, la scadenza viene posticipata al primo giorno lavorativo successivo, in aderenza al disposto di cui all’art. 7 comma 2 lett. l) del DL 70/2011.

Occorre innanzitutto sottolineare che, essendo la e-fattura un documento informatico, il versamento dell’imposta sarà regolato dalle disposizioni di cui al DM 17 giugno 2014. Come precisato dall’Agenzia delle Entrate nella circolare 14 aprile 2015 n. 16, tale disciplina differisce rispetto a quella relativa all’imposta di bollo assolta in modo virtuale ai sensi degli artt. 15 e 15-bis del DPR 642/72.

Quest’ultima concerne determinati atti e documenti che sono stati definiti con appositi decreti ministeriali. Si tratta, a titolo esemplificativo e non esaustivo, dei certificati, delle copie dichiarate conformi all’originale e degli estratti di qualunque atto o documento rilasciati dai notai, delle lettere e ricevute di accreditamento consegnate per l’incasso o negoziate presso aziende ed istituti di credito o degli atti di protesto redatti dagli ufficiali giudiziari. Viene assolta secondo tale modalità l’imposta di bollo da corrispondere annualmente a seguito dell’instaurazione e tenuta di rapporti di conto corrente o di libretti di risparmio presso banche e Poste italiane S.p.A.

La procedura per l’assolvimento dell’imposta di bollo virtuale (che, si ribadisce, non si applica con riferimento alle fatture elettroniche), richiede una preventiva autorizzazione da parte dell’Ufficio competente, che procede alla liquidazione iniziale, provvisoria, dell’imposta dovuta, sulla base dei dati esposti nella dichiarazione presentata con l’istanza di autorizzazione. A partire dall’anno successivo al primo periodo di operatività del pagamento in modalità virtuale, il soggetto autorizzato presenta all’Ufficio una dichiarazione contenente il numero degli atti e dei documenti emessi nell’anno precedente e i dati utili alla liquidazione dell’imposta. L’Ufficio, dal canto suo, “previ gli opportuni riscontri”, liquida in via definitiva, a consuntivo, l’imposta dovuta per l’anno precedente. Tale importo viene assunto come base per la liquidazione provvisoria del periodo successivo.

La procedura di versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche segue, invece, regole differenti, stabilite dal novellato art. 6 comma 2 del DM 17 giugno 2014.
L’Agenzia delle Entrate, sulla base dei dati presenti nelle e-fatture ricevute, rende noto al soggetto passivo l’importo dovuto, riportandolo nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi”. Tramite un servizio presente sullo stesso portale, sarà, inoltre, possibile scegliere se effettuare il versamento con addebito su conto corrente bancario o postale o se utilizzare il modello F24 predisposto dall’Agenzia.

Ti aspettiamo in una delle nostre sedi a Modena, Vignola e Spilamberto.

Contattaci