Studio+com Commercialisti Associati - Modena Vignola Spilamberto - Aumentato a € 15.000 il limite per l'uso del contante a favore dei turisti UE / extra UE

Il limite all’utilizzo del contante, per gli acquisti effettuati, nel nostro Paese, da cittadini extra UE, è attualmente fissato a 3.000 euro come per gli acquisti effettuati da cittadini italiani. Lo stesso limite è previsto per gli acquisti effettuati dai cittadini UE o appartenenti allo Spazio Economico Europeo.

Tuttavia, per specifiche categorie di acquisti effettuati da persone fisiche non residenti, di cittadinanza diversa da quella italiana, il citato limite per il trasferimento di denaro contante, fissato a 3.000 euro (art. 49, comma 1, del Decreto Legislativo n. 231 del 2007), era stato elevato a 15.000 euro e poi ridotto a 10.000 nel rispetto di specifici adempimenti amministrativi posti a carico del cedente del bene o del prestatore del servizio.

Studio di Commercialisti a Modena, Vignola e Spilamberto con consolidata esperienza nella gestione e pianificazione aziendale e societaria, offre consulenza qualificata in campo commerciale, finanziario, tributario.

Studio Commercialisti Modena

Studio+com è lo studio di commercialisti a Modena che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Sassuolo

Studio+com è lo studio di commercialisti per Sassuolo e la provincia di Modena che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Carpi

Hai un'attività di impresa o professionale a Carpi? Se necessiti di assistenza fiscale e tributaria, Studio+com dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco. Uno studio di commercialisti per Carpi e la provincia di Modena che supporta la crescita della tua impresa.

Studio Commercialisti

Studio+com è uno studio di commercialisti con sedi a Modena, Vignola e Spilamberto che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Consulenza aziendale e societaria

Studio+com è il punto di riferimento per la consulenza aziendale e societaria: competenza al servizio di una corretta pianificazione finanziaria, affidabilità ed esperienza per affrontare le sfide che caratterizzano la vita di una società.

Consulenza fiscale e tributaria

Studio+com è il punto di riferimento per la consulenza fiscale e tributaria: una squadra al servizio di piccole e grandi realtà e operatori individuali che ogni giorno affrontano il mercato.

Incarichi giudiziali e revisione legale

Studio+com mette in campo competenze specifiche in campo fiscale e amministrativo per incarichi giudiziali presso tribunali civili e procedure concorsuali, professionisti abilitati all'esercizio della revisione legale.

Studio Commercialisti Spilamberto

Studio+com è lo studio di commercialisti a Spilamberto che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

Studio Commercialisti Vignola

Studio+com è lo studio di commercialisti a Vignola che dal 1973 affianca imprese di ogni dimensione e professionisti nei rapporti societari e con il fisco, supportandone la crescita con competenza, puntualità e capacità di ritagliare un servizio "su misura".

studiopiucom logo

Aumentato a € 15.000 il limite per l'uso del contante a favore dei turisti UE / extra UE

Il limite all’utilizzo del contante, per gli acquisti effettuati, nel nostro Paese, da cittadini extra UE, è attualmente fissato a 3.000 euro come per gli acquisti effettuati da cittadini italiani. Lo stesso limite è previsto per gli acquisti effettuati dai cittadini UE o appartenenti allo Spazio Economico Europeo.

Tuttavia, per specifiche categorie di acquisti effettuati da persone fisiche non residenti, di cittadinanza diversa da quella italiana, il citato limite per il trasferimento di denaro contante, fissato a 3.000 euro (art. 49, comma 1, del Decreto Legislativo n. 231 del 2007), era stato elevato a 15.000 euro e poi ridotto a 10.000 nel rispetto di specifici adempimenti amministrativi posti a carico del cedente del bene o del prestatore del servizio.

Limite uso contante

Limite utilizzo contanti

Deroga

      Ambito soggettivo

Ambito oggettivo

3.000 euro

10.000    

   Persone fisiche non residenti di cittadinanza diversa da quella  italiana

Specifici acquisti di beni e servizi effettuati in Italia

 

OSSERVA: La possibilità di derogare al limite di 3.000 euro e fruire, quindi, di quello di 10.000 euro era subordinata al compimento di specifici adempimenti.

In particolare:

  • il venditore (o il prestatore del servizio), contestualmente all’effettuazione dell’operazione, doveva acquisire la fotocopia del passaporto del cessionario o del committente nonché apposita autocertificazione di quest’ultimo attestante che non è cittadino italiano e che ha la residenza fuori del territorio dello Stato;
  • nel primo giorno feriale successivo a quello di effettuazione dell’operazione versa il denaro contante incassato in un conto corrente ad esso intestato presso un operatore finanziario, consegnando a quest’ultimo copia della ricevuta della comunicazione con la quale è stato indicato all’Agenzia delle Entrate il conto che il cedente del bene o il prestatore del servizio intende utilizzare per potersi avvalere della deroga al limite ordinario di utilizzo del contante.

Novita’

Il comma 245 della Legge di Bilancio 2019, interviene sul citato art. 49 comma 1 D.Lgs. 231/2007, innalzando il limite dei 10.000 euro a 15.000 euro ed estendendolo anche agli acquisti effettuati da cittadini dell’Unione europea e dello Spazio economico europeo.

SI INFORMA: Il limite, già in precedenza fissato a 15.000 euro, era stato ridotto a 10.000 euro per effetto del Decreto Legislativo n. 90 del 2017 recante l’attuazione della Direttiva (UE) 2015/849 relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo.

Sintetizzando:

NOVITA’:

1.     Per l’acquisto di determinati beni e servizi effettuati in Italia da soggetti Extra Ue è possibile derogare al limite di 3.000 euro, e fruire del limite di 15.000 euro (in precedenza 10.000);

2.     Il tutto è esteso anche agli anche agli acquisti effettuati da cittadini dell’Unione europea e dello Spazio economico europeo.

Restano fermi gli adempimenti che il venditore è chiamato ad eseguire.

Ti aspettiamo in una delle nostre sedi a Modena, Vignola e Spilamberto.

Contattaci